Come fotografare piatti di cucina al meglio  By

Come fotografare piatti di cucina al meglio

Sarà capitato anche a voi, ogni volta che siamo al ristorante, ma anche a casa o a mangiare una semplice pizza: ogni volta che arriva il piatto, prima di mangiarlo lo si fotografa.

 

Addirittura in qualche ritrovo tra blogger lo si dice proprio prima di mangiare “se ti azzardi a toccare il piatto prima che scatti la mia foto sei finito!“. Ovviamente lo si fa per ridere, ma mica tanto. Una delle cose più fotografate in assoluto durante le nostre vacanze o le nostre uscite è il cibo. Fateci caso, prendete il vostro smartphone e iniziate a scorrere la gallery. Ecco sì, dopo la foto dei piedi e prima della foto del vostro gattino c’è di sicuro un piatto.

 

Non vi sto prendendo in giro, ma è solo per farvi capire quante volte alla settimana scattiamo e pubblichiamo sui nostri social la foto di cose da mangiare. E se lo facciamo così spesso, tanto vale almeno farlo bene!

Come fotografare piatti di cucina al meglio

Testando i miei scatti e osservando molto, sia i food blogger più bravi di me che i fotografi, ho capito che le regole per rendere appetibile, perché di questo stiamo parlando, un piatto non sono poi tante e sono anche semplici. Chi fotografa senza un fine preciso, perché non deve vendere, ma vuole solo una foto ricordo del cous cous di pesce trapanese per appenderlo in cucina, per esempio, dovrebbe seguire queste regole.

 

Angolazione

Come fotografare piatti di cucina al meglio

C’è sempre un’angolazione esatta per interpretare una fotografia. Non è sempre quella che vi capita davanti agli occhi e a volte bisogna proprio cercarla. Per fotografare piatti di cucina la meglio, girateli su sé stessi, ruotate la mano e fate vedere bene il vostro arancino, scegliete la parte più bella della pietanza, quella che meglio si presenta.

 

Luce

Come fotografare piatti di cucina al meglio

Prediligete la luce naturale, scattate con il sole e non con quelle luci gialle che rendono i colori tutti uguali. Non usate flash, banditelo proprio, le foto dei vostri piatti risulteranno altrimenti “senza vita”. Date un’occhiata alle foto dei professionisti e ricordate sempre che se esistono corsi di fotografia per fotografare il cibo (sì avete capito bene), non sarà proprio facilissimo, ma senza luce di certo sarà impossibile.

 

Composizione

Come fotografare piatti di cucina al meglio

Tocco finale per una foto perfetta è la composizione. Proprio come in un’opera d’arte potete arricchire la vostra foto. Fate conto di avere una cornice e un quadro da fare. Non lasciate il piatto solo, anzi il piatto “spogliatelo” un po’. Prediligete le porzioni piccole dove il cibo si vede meglio e arricchitelo di elementi che raccontano una storia. Potete inserire le materie prime usate per farlo o se siete in un ristorante potete comporre il tavolo, togliendo accessori inutili o che disturbano la vista e inserendo gli elementi in modo simpatico.

 Come fotografare piatti di cucina al meglio

Non esiste un’applicazione particolare per rendere belli dei piatti, o almeno, a mio avviso non ce n’è bisogno. Se riuscite a rispettare queste tre semplici regole probabilmente otterrete un piatto più bello, un cibo più appetibile e… decine di like sui social!

The following two tabs change content below.

Federica Piersimoni

Blogger e Social Media Consultant per passione e per lavoro. Scrivo online dal 2008, ho la passione per i viaggi e la fissa per il low cost. Nata nelle Marche, vissuta in Romagna ora risiedo nella Capitale. Amo scrivere articoli provocatori ma anche tanti racconti di viaggio. La curiosità per la fotografia è iniziata da poco e per fotografare uso una Canon e ovviamente un iPhone, non disdegno i video che prediligo talvolta alle immagini.

Comments

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento