Ansel Adams: “La natura è il mio regno”. Emozionante esposizione di stampe originali  By

Ansel Adams: “La natura è il mio regno”. Emozionante esposizione di stampe originali

E’ stata inaugurata il 16 Settembre, presso l’ex Ospedale Sant’Agostino di Modena, la mostra fotografica “La natura è il mio regno” a cura di Filippo Maggi, dedicata al grande Ansel Adams.

Chiunque sia appassionato di fotografia naturalista conoscerà il padre del sistema zonale, che per la prima volta viene esposto, con 70 meravigliose stampe originali, in Italia.
Le stanze dell’ex ospedale sono state sapientemente allestite: finestre coperte, quasi a riprodurre una camera oscura, e gli scatti proposti in una cornice di legno scuro, che insieme allo sfondo bianco risalta al meglio i contrasti e le infinite sfumature di grigi che disegnano i dettagli dei soggetti ritratti.

La tematica è, ovviamente, la natura. Un solo scatto include, come un insieme di piccoli punti sullo sfondo di imponenti montagne e vallate, la moglie.
Adams stesso affermerà che in questa immagine manca un soggetto principale, come se la presenza di un essere umano distogliesse l’attenzione dal grande spettacolo naturale che sempre e comunque egli desidera raccontare.

Grazie alle descrizioni che compaiono a fianco di alcune immagini, si ripercorre la crescita professionale dell’artista, le sue scoperte, le sue battaglie per la tutela delle bellezze naturali e dei parchi americani.
Monolithe sarà la sua prima “visualizzazione“. La restituzione di un’immagine che non è realistica ma viene visualizzata con gli occhi della mente e restituita così come viene immaginata, grazie ad un filtro di colore rosso sostituito a quello giallo, all’ultimo momento prima di scattare.
Da quel momento in poi sarà più chiaro, nella mente di Adams, il desiderio di restituire le sue visualizzazioni e non semplici riproduzioni del reale.
L‘atmosfera che compare nelle sue immagini è irreale, sospesa, ma è quella che esattamente Adams sta cercando.

Da qui la continua ricerca della SUA immagine nell’attesa – talvolta lunghissima – delle condizioni perfette, insieme ad una composizione sapientemente studiata, ed infine in camera oscura.
Ma, riprendendo le parole di Maggi, Adams non cerca nella natura simboli o segni che portino a realtà altre: il suo è un bianco e nero colto, quasi freddo, nell’ossessionata ricerca di un’immagine semplicemente perfetta.

Consiglio a tutti di visitare questa splendida mostra, aperta fino al 29 Gennaio 2012.
Essendo Ansel Adams tanto emozionante quanto conosciuto, l’affluenza dei visitatori è massiva, consiglio dunque i giorni feriali per chi vuole godere in solitudine la bellezza degli scatti.

Informazioni mostra Ansel Adams

Quando

16 Settembre – 29 gennaio 2012

Dove

Ex Ospedale Sant’Agostino
Largo Porta Sant’Agostino, 228
Modena

Orari

Chiusura: lunedì
Martedì – Venerdì 11:00 – 13:00 / 15:30 – 19:00
Sabato, Domenica e festivi 11:00 – 20:00

25 Dicembre e 1 Gennaio 15:00–20:00

Visite guidate

1 – 22 Ottobre, 12 Novembre, 3 Dicembre, 28 Gennaio 11:30
23 Novembre, 18 Gennaio 18:00

Per prenotazioni di visite guidate per gruppi o scolaresche
Telefono 059 239888
Mail segreteria@mostre.fondazione-crmo.it

Comments

comments

Powered by Facebook Comments

1 commento

  1. Sono d’accordo Claudio. Hai centrato nel segno.
    La perfezione di certi scatti è segno di una piena padronanza degli strumenti, oltre che dell’amore infinito che Adams nutre per certi luoghi.

Lascia un commento